Cash Crowe succede ad Otrobanda e polverizza il record delle Derbystoet

#CashCrowe 🇫🇷 #ReadyCash won #Derbystoet - Group I on @Jagersro with #JohnnyTakter #PetriPuro in 1.11.6 on 2140 - 06

La figlia di Ready Cash non sbaglia niente e conquista con merito le Derbystoet 2017. Ultra Bright e Bugatti Brick si estromettono in partenza, Mulligan e Unique Juni completano il podio.

Con merito e soprattutto con gli interessi, Cash Crowe si è aggiudicata le Derbystoet edizione 2017 da cavalla superiore, vendicando lo scotto patito nella finale delle StoChampionatet e imponendosi nel giorno più importante.
In una finale che ha perso dopo poche battute sia Bugatti Brick che Ultra Bright, oltre alle difese che hanno impedito a Fantasy River di prendere le ali della macchina, l’allieva di Petri Puro ha saggiamente preferito rischiare il meno possibile in partenza per giocarsi tutto nei seicento finali.
Con Mulligan in testa e con l’idea di provarla in wire to wire, Johnny Takter si è posizionato a centro gruppo comandando la pariglia esterna. Dopo aver accompagnato per un miglio Cash Crowe ha iniziato la risalita avvicinando prima l’allieva di Thomas Uhrberg per poi disporne lungo la dirittura di arrivo, senza che la figlia di Maharajah potesse contenere una cavalla che nella batteria di qualificazione aveva dimostrato di essere la migliore.
Le piazze d’onore sono state completate dal secondo posto di Mulligan e dal terzo di Unique Juni, quest’ultima ottima nel confermare le ottime impressioni avute nella divisione di qualificazione.
Per Cash Crowe oltre alla vittoria è anche arrivato il record della corsa, polverizzando il precedente di Red Red Red stabilito nel 2012. Con l’1.11.6 la figlia di Ready Cash ha limato ben sei decimi al precedente primato dell’allieva di Fredrik Persson, consentendo a Petri Puro, dodici anni dopo Fama Currit, di tornare al successo nella classica svedese.

Le altre più attese hanno purtroppo deluso, a partire da Ultra Bright, contro favorita ed in errore nelle fasi iniziali, per proseguire con Bugatti Brick, l’allieva di Timo Nurmos che avrebbe potuto condizionare pesantemente l’intero percorso. Fantasy River non si è nemmeno allineata, mentre Caddie Lisieux, oggi meno tonica che in altre occasioni, non è riuscita a risalire con convinzione dalla quarta posizione in pariglia, giustificata comunque dal gran ritmo imposto da Mulligan e soprattutto dagli ultimi cinquecento metri trottati da Cash Crowe in 1.08.6.

Rispondi

Inserisci i tuoi dati qui sotto o clicca su un'icona per effettuare l'accesso:

Logo di WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione /  Modifica )

Google photo

Stai commentando usando il tuo account Google. Chiudi sessione /  Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione /  Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione /  Modifica )

Connessione a %s...