Propulsion domina il Bourgogne, Bold Eagle perde la terza di fila

#Propulsion 🇺🇸 #MuscleHill @StallZet won #GPBourgogne 🇫🇷 #MH1718 ❄️Group 2⃣ on @vhpofficiel - 07

Il figlio di Muscle Hill scherza sul doppio chilometro del Bourgogne e stacca il ticket per l’Amérique. Il campionissimo di Guarato perde la terza consecutiva sul tracciato di casa. Briac Dark (terzo) si qualifica all’ultima domenica di gennaio.

Propulsion doveva essere e Propulsion è stato, qualificandosi nella maniera più convincente all’Amérique 2018. L’allievo di Daniel Redén dopo l’ottima prestazione fornita nel Bourbonnais era il soggetto che più di altri avrebbe catalizzato l’attenzione nella terza delle 4B, penultimo appuntamento di qualificazione all’Amérique del 28 di gennaio.
Un successo annunciato stabilendo senza forzare più di tanto la seconda prestazione cronometrica all-time della manifestazione, dietro solo il fantascientifico 1.10 spaccato stabilito nel 2014 da Texas Charm.
Con l’1.10.5 (1.08.7 tutto in mano nei 500 finali) il figlio di Muscle Hill ha così avuto la meglio sull’ottimo finale di Bold Eagle, che per la terza volta consecutiva è uscito battuto nella sua Vincennes, e sul sorprendente Briac Dark, che in barba a tutti i pronostici ha conquistato per il secondo anno consecutivo la qualificazione all’evento parigino.
Buttando cronometro e quant’altro la prova del pupillo di Daniel Redén ha impressionato oltre modo, una prestazione di forza e qualità che oggi pone il figlio di Muscle Hill come uno dei seri candidati alla vittoria finale.

Capitolo Bold Eagle. Aubrion du Gers, Bird Parker e appunto Propulsion sono nell’ordine i carnefici che hanno sconfitto Bold Eagle nelle ultime tre disputate nella tana di Vincennes. A livello teorico questi potrebbero essere i tre indizi a fare la prova che quest’anno il portacolori di Pierre Pilarski è battibile. Ma sarebbe omertoso non sottolineare i cinquecento metri finali volati in 1.07 dal figlio di Ready Cash e soprattutto  le parole ultime di Guarato, quelle che hanno dettagliatamente spiegato gli accorgimenti impiegati sul figlio di Ready Cash per trovare il migliore assetto per il giorno dell’evento. E statene pure certi che quel giorno il campione in carica metterà in pista quegli argomenti che negli ultimi due anni lo hanno eletto Re di Francia.

Il terzo classificato e qualificato all’Amérique è stato dunque un sorprendentissimo Briac Dark, che in barba a distanza, numeraccio di avvio e pronostici ha avuto il merito di trovare grande partenza e posizionarsi alle spalle del figlio di Muscle Hill, ipotecando nel tratto ultimo quel podio che lo ha portato per il secondo anno consecutivo alla corsa faro dell’inverno parigino. Chapeau a tutto il team e soprattutto a Matthieu Abrivar, geniale e impavido nell’aver interpretato a meraviglia il figlio di Prince Gédé.
Billie de Montfort facendo leva sulla proverbiale velocità iniziale ha trovato in breve posto in corda ed un quarto posto conclusivo di buonissimo auspicio per l’ultima domenica di gennaio.
Al quinto, dopo lotta acerrima lungo il percorso con il nostro Ringostarr Treb, ha chiuso un ottimo Day Or Night In, soggetto che con molta probabilità troveremo partente nel Luxembourg.

Gli altri, chi più chi meno, si sono adoperati per rifinire dettagli et simili, come Belina Josselyn, scesa in pista ferrata e ora pronta per affrontare l’ultima spiaggia del Belgique.
Anna Mix, riottosa al momento del via (credeva di dover partire con i nastri e si rifiutava letteralmente di muoversi), ha corso secondo i suoi standard, entrando in azione nei cinquecento metri finali e chiudendo più che onorevolmente al settimo posto.
Male, per non dire malissimo, l’interpretazione di Gabriele Gelormini su Ringostarr Treb. Non ce ne voglia l’ottimo catch-driver piemontese ma con il ticket dell’Amérique già in tasca quella lotta inutile e deleteria con Johan Untersteiner e Day Or Night In, oltretutto per corsie proibitive, si sarebbe potuta tranquillamente evitare.

 

Rispondi

Inserisci i tuoi dati qui sotto o clicca su un'icona per effettuare l'accesso:

Logo di WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione /  Modifica )

Google photo

Stai commentando usando il tuo account Google. Chiudi sessione /  Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione /  Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione /  Modifica )

Connessione a %s...