Takethem star del Gougeon, Shadow Gar cerca gloria nell’Helen Johansson

Takethem 04

Foto: Lasse Jespersen

Jean Rene Gougeon, Helen Johansson e Leopold Verroken. Le Européenne sul doppio chilometro promettono grande spettacolo.

Quando il Prix d’Amérique avrà incoronato il proprio Re e i festeggiamenti saranno terminati inizierà una seconda parte di convegno che ci coinvolgerà emozionalmente. Le tre prove europee di Gruppo III sulla distanza dei 2100 con partenza dietro le ali dell’autostart chiuderanno uno dei convegni più affascinanti dell’anno, regalando ad appassionati e stampa specializzata spettacolo, incertezza ed emozioni.
Ad aprire lo danze ci penseranno i diciotto del Prix Jean Rene Gougeon, due file complete che accenderanno le speranze di molti dei presenti in pista.
Decretare un favorito in un contesto di tale portata è senza dubbio operazione complicata ma dopo quanto fatto da Takethem nell’ultimo Prix de Belgique porrà il figlio di From Above come uno dei soggetti più attesi a traguardo. Oltre all’otto anni danese interpretato da Bjorn Goop saranno della partita Aprion, Baxter du Klau e soprattutto il duo Day Or Night In e Cash and Go.
Per gli allievi di Johan Untersteiner e Sebastien Guarato saranno fondamentali i primi metri di corsa, quelli che li potrebbero proiettare verso un finale dove le qualità di entrambi potranno fare tutta la differenza del mondo.

Chiuso il Gougeon sarà la volta del Prix Helen Johansson, dove diciotto giumente anziane renderanno ancora una volta omaggio all’unica guidatrice della storia capace di trionfare con Ina Scot nel Prix d’Amérique del 1995.
Molte saranno le indigene in corsa, a partire da quella Shadow Gar che dopo le eccellenti prestazioni offerte nell’estate nordica avrà l’occasione di mettere a referto una delle prove più prestigiose dell’intero Meeting d’Hiver.
Oltre all’allieva di Pietro Gubellini saranno Trendy Ok e Tessy d’Ete ad accampare enormi possibilità di ben figurare all’interno di un contesto particolarmente incerto.
Dalla Svezia le chance più corpose saranno appannaggio delle giumente di Daniel Redén, In Toto Sund e Trinity Zet, di Geisha Sund e di Evin Boko, quest’ultima allieva di Timo Nurmos che avrà in sediolo Bjorn Goop.
Delle padrone di casa si giocheranno parecchio Blooma d’Heripre, Beaute de Bailly e Caly Loulou.

A chiudere il meraviglioso trittico di Européenne di Gruppo III ci penseranno i tre anni nel Prix Leopold Verroken. Saranno in sedici tra maschi e femmine ad affrontarsi nel primo confronto generazionale europeo dell’anno. Nove transalpini e sette indigeni saranno capitanati dalle chance evidenti di Full Option e Follow You, gli allievi di Philippe Allaire e Sebastien Guarato. Sul fronte indigeno il sorteggio ha chiaramente messo in posizione ideale Ziva Ek, la giumenta di Alessandro Gocciadoro pronta a dare battaglia ai due padroni di casa.

Rispondi

Inserisci i tuoi dati qui sotto o clicca su un'icona per effettuare l'accesso:

Logo di WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione /  Modifica )

Google photo

Stai commentando usando il tuo account Google. Chiudi sessione /  Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione /  Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione /  Modifica )

Connessione a %s...