Trot On

International Trot 2018 - 03

Lo Yonkers Raceway si prepara all’edizione 2018 dell’International Trot. Ringostarr Treb pronto a succedere a Delfo e Twister Bi. Marion Marauder e Ariana G le speranze dei padroni di casa.

L’America che trotta è ormai pronta ad offrire al mondo intero l’edizione 2018 dell’International Trot, evento che ha occupato tutte le prime pagine dei maggiori quotidiani nazionali statunitensi e che si preannuncia spettacolare e incerta come non mai.
Una vasta campagna promozionale ha messo in evidenza una manifestazione giunta alla sua quarantesima edizione, la decima sul tracciato dello Yonkers Raceway, dove dieci soggetti provenienti da sette Paesi diversi si daranno battaglia sulla distanza del doppio chilometro.
A succedere al trionfo di Twister Bi dello scorso anno ci proveranno gli indigeni Ringostarr Treb e Arazi Boko, i canadesi Marion Marauder e Will Take Charge, il norvegese Lionel, il danese Slide So Easy, il francese Up And Quick, gli svedesi Pastore Bob e Cruzado Dela Noche e l’unica femmina in pista rappresentante del Paese organizzatore Ariana G.
Dieci free-for.all di comprovata qualità che proveranno ad entrare a far parte di un albo d’oro infarcito di nomi altisonanti della storia del trotto mondiale.
Almeno la metà dei partecipanti avrà chance e modi di mettersi in evidenza, portando in campo argomenti che potranno fare la differenza e conquistare l’ambito alloro internazionale.
Tra questi ci sarà il nostro Ringostarr Treb, il figlio di Classic Photo intenzionato a far suonare per la terza volta nella storia della manifestazione l’Inno di Mameli. Dopo Delfo (1977) e Twister Bi (2017), l’allievo di Jerry Riordan avrà chiarissima la possibilità di far sua la prova, potendo contare su qualità, condizione ed un numero di avvio che lo potrebbe proiettare subito dopo lo stacco della macchina nella miglior posizione possibile per gestire tatticamente l’intero percorso. Con alle redini lunghe Wim Paal, il portacolori di Marco Scarton dovrà vedersela principalmente con Marion Marauder, il vincitore della Triple Crown statunitense 2016 considerato il favorito da stampa specializzata e bookmaker. Per il Muscle Hill di Paula Wellwood, che avrà in sediolo il fido Scott Zeron, l’ottima posizione di avvio lo inserirà di diritto tra i papabili al successo, potendo contare anch’esso su qualità e una condizione fisica in continuo crescendo.
Questi saranno i principali protagonisti di una prova dove l’unica femmina in gara, Ariana G, cercherà di sovvertire il pronostico e portare il trofeo per la quindicesima volta negli Stati Uniti.
Up And Quick, Will Take Charge, Pastore Bob e Lionel saranno le logiche alternative ai sopraccitati, con i due scandinavi in odore di colpo a sorpresa se le evenienze che si verranno a creare avranno modo di premiarli.
L’allievo di Johan Untersteiner dovrà giocarsi il tutto per tutto in partenza, potendo contare su di una velocità di base eccelsa. Inversamente il pupillo di Daniel Redén potrà contare su di una programmazione mirata esclusivamente a questa prova e sulle possibili diatribe che coinvolgeranno l’intera prima fila.
Insomma, una prova che avrà si i propri favoriti ma che al tempo stesso riserverà quell’incertezza dove altri avranno modo di inserirsi per coronare il sogno di una vita.

Rispondi

Inserisci i tuoi dati qui sotto o clicca su un'icona per effettuare l'accesso:

Logo di WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione /  Modifica )

Google photo

Stai commentando usando il tuo account Google. Chiudi sessione /  Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione /  Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione /  Modifica )

Connessione a %s...