Il riposo delle “A”

anna mix won prix de bretagne 2016 (group ii) on @vhpofficiel with f. nivard in 1.13.1 on 2700 over propulsion @stallzet​ and p

Anna Mix won Prix de Bretagne 2016 (Group II) on @vhpofficiel with F. Nivard in 1.13.1 on 2700

Dopo il ritiro eccellente a inizio Meeting d’Hiver da parte di Amiral Sacha, anche Anna Mix e Akim du Cap Vert appendono i ferri al chiodo lasciando sempre più sguarnito il plotone dell’ottima nidiata transalpina 2010; Aubrion du Gers e Arlington Dream i milionari ancora in attività.

Si sono chiuse nell’ultima settimana le carriere di due dei maggiori rappresentanti della generazione transalpina 2010. Da un lato il protetto di Franck Anne, all’altro una delle giumente più amate, folli e vincenti che ha abbracciato le arti di Franck Leblanc in Francia e di Sofia Aronsson in Svezia.
Entrambi milionari (€1.356.305 il figlio di First de Retz, €1.320.757 l’erede di Ludo de Castelle) sono stati annunciati dai rispettivi ambienti ritirati dall’attività agonistica, al termine di una carriera che per entrambi ha riservato grandi soddisfazioni.
Dell’allievo di Franck Leblanc, 12 vittorie nelle 77 disputate, rimarranno i dieci successi in prove di Gruppo, i due Amérique disputati (con tanto di quarto posto nell’edizione 2016, ma soprattutto il trionfo nel Prix de Bretagne 2015, quello che lo vide lottare la corsa proprio con Anna Mix (e Village Mystic).
Per la pupilla di Franck Leblanc e Sofia Aronsson la carriera si è snodata analogamente a quella di Akim. Nelle 19 vittorie sulle 73 disputate si possono annoverare il Prix de Bretagne 2016 davanti a Propulsion, il Grand Prix de la Toussaint disputato sul tracciato di Mons e soprattutto quella meravigliosa primavera-estate scandinava 2016 dove mise in fila il terzo posto nell’Olympiatravet di Aby, il terzo posto nella Finlandia Ajo di Helsinki, il quinto nella Prix Norrbottens Stora Pris, il sesto nella Ulf Thoresen Grand International fino al trionfo nell’European Championship For Mares di Solvalla. Una cavalla a tutto tondo e vincente in ben quattro paesi europei, e che ha avuto il solo demerito di rigettare senza appello le partenze con i nastri, condizione che le ha impedito, nonostante lo meritasse, la presenza all’interno del Prix d’Amériue.

Annunci

Rispondi

Inserisci i tuoi dati qui sotto o clicca su un'icona per effettuare l'accesso:

Logo WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione /  Modifica )

Google photo

Stai commentando usando il tuo account Google. Chiudi sessione /  Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione /  Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione /  Modifica )

Connessione a %s...